Blog

Subbappalto.jpeg

Fatturazione elettronica e Pubblica Amministrazione: come agire in caso di subappalti e subcontratti

Dal 1° luglio 2018 è in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica per le prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti nell’ambito dei rapporti con la Pubblica Amministrazione 

Secondo quanto chiarito dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, la fatturazione elettronica negli appalti pubblici si applica solo nei confronti dei soggetti subappaltatori e subcontraenti per i quali l’appaltatore ha provveduto alle comunicazioni prescritte dalla legge. 

Dunque nell’ambito degli appalti vi sarà obbligo di emettere fattura elettronica tramite il Sistema di Interscambio - SdI - solo in capo a coloro che operano nei confronti della stazione appaltante pubblica ovvero a chi, nell’esecuzione del contratto di appalto, è titolare di contratti di subappalto propriamente detto, o riveste la qualifica di subcontraente. Ad esempio, sono esclusi dai nuovi obblighi di fatturazione tutti coloro che cedono beni ad un cliente senza essere direttamente coinvolti nell’appalto principale. 

Nel caso in cui il committente a monte dell’appalto non sia una pubblica amministrazione, ma un soggetto dalla stessa controllato e/o variamente partecipato, l'Agenzia ha chiarito che deve escludersi che l’obbligo di fatturazione elettronica si estenda ai rapporti in cui, a monte della filiera contrattuale, vi sia un soggetto che non rientra tra quelli da qualificarsi come PA.

Processo Fatturazione Elettronica per i subappalti

Esemplificando l’Agenzia delle Entrate aveva chiarito che se un’impresa A stipula un contratto di appalto con la PA ed un subappalto (o un subcontratto) con le imprese B e C per la realizzazione di alcune opere, le prestazioni rese da A alla PA sono soggette all’obbligo di fattura elettronica, al pari di quelle rese da B e da C nei confronti di A. 

Viceversa, nel caso in cui B o C si avvalessero di beni e servizi resi da soggetti terzi, per questi rapporti la fatturazione elettronica non è obbligatoria dal 1° luglio 2018, essendo tale obbligo rinviato al 1° gennaio 2019. 



Pubblicato da Riccardo Brambilla in data 06/11/2018