Blog

soggettiesenti.jpg

I soggetti esonerati per la fatturazione elettronica

Dal 1° gennaio 2019 sarà esteso l’obbligo della fatturazione elettronica a tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti privati.

La norma però prevede che alcuni soggetti siano esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica:

  • I soggetti che si avvalgono del regime di vantaggio;
  • I soggetti che si avvalgono del regime forfetario;
  • Coloro che applicano il regime speciale degli agricoltori;
  • Cessioni di beni e prestazioni di servizi rese nei confronti di non residenti.

Per quanto riguarda invece la fattura elettronica carburanti che per il settore degli appalti, l’Agenzia delle Entrate chiarisce quali sono, invece, i soggetti esclusi dai nuovi obblighi di fatturazione introdotti dalla Legge di Bilancio 2018.

In merito alle cessioni di benzina e gasolio, sono escluse dall’obbligo le cessioni di benzina e gasolio destinati, ad esempio, a imbarcazioni, aeromobili, veicoli agricoli di varia tipologia (come i trattori agricoli e forestali).

Inoltre, sono esclusi dai nuovi obblighi di fatturazione elettronica i contribuenti che cedono beni a un cliente senza essere direttamente coinvolti nell’appalto principale, come chi fornisce beni all’appaltatore senza sapere che utilizzo ne farà.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce inoltre che l’obbligo di fatturazione elettronica non si estende ai rapporti in cui, a monte della filiera contrattuale, non ci sia un soggetto che faccia parte Pubblica Amministrazione.

I soggetti che però sono obbligati a emettere fatturazione elettronica dovranno continuare con tale procedura anche verso quei soggetti che ne sono ensenti. Per questa situazione l’Agenzia delle Entrate sancisce quanto segue:

  • L’emissione di fatturazione elettronica nei confronti di chi rientra nei soggetti esonerati, l’emittente dovrà valorizzare il campo Codice Destinatario con un codice convenzionale “0000000” anziché inserire il codice a 7 cifre derivante dalla preregistrazione del soggetto passivo;
  • La ricezione della fattura avverrà tramite un’apposita area riservata dell’Agenzia delle Entrate oppure consegnando copia informatica o analogia.

Per gli stessi soggetti che si avvalgono dei regimi agevolati sopra richiamati, la data di ricezione del documento coincide con quella di messa a disposizione della fattura nell’area riservata, così come avviene per i “consumatori finali”.



Pubblicato da Riccardo Brambilla in data 02/10/2018