Blog

methagroup.jpg

La trasformazione digitale impone una nuova cultura aziendale

Con la possibilità di accesso al voucher della digitalizzazione la trasformazione digitale in atto, offre un livello di comunicazione, di intereazione, di reciprocità, fondamentale nella storia. 
Guardiamoci intorno, l'architettura delle nostre città sta cambiando, basti osservare le tante installazioni nelle nostre piazze: una nuova intelligenza applicativa prende forma. 
Internet è parte integrante delle nostre vite, ed oggi è realistico parlare di un'economia delle App capace quindi di favorire anche le possibilità di guadagno.
Il mercato è clamorosamente orientato verso le piazze virtuali, e molti analisti giustamente puntano l'attenzione sull'ingenuità delle persone che, ammaliate e fuorviate dalla facilità dell'utilizzo 
delle tecnologie, non si rendono conto dei rischi rispetto alla gestione delle identità.
Quello che è necessario oggi è semplice: le organizzazioni, ma anche i privati, devono necessariamente adottare una startegia di sicurezza dinamica, agile e flessibile, capace di costruire "resilienza" dall'interno.
Oggi, le conseguenze del cybercrime sono massiccie e costose,  la gestione della sicurezza cammina in perfetta simbiosi con lo sviluppo tecnologico, ed occorre tutelarsi. 
Quello che serve, è una consapevolezza ampia e dettagliata che riesca a spiegare con lucidità il concetto di 'risk management' nell'era della trasformazione digitale. 
Occorre capire che, non vi è trasformazione digitale senza una governance delle infrustratture e dei servizi, la sicurezza non è un componente aggiuntivo, un piacevole surrogato usa e getta, poichè
non è produttivo costruire l'infrastruttura aziendale per poi pensare alla sicurezza. 
Non è più sufficiente, aggiornare 'semplicemente' gli antivirus dei vostri pc.
Il 'board aziendale' deve educarsi a guardare l'azienda in un modo nuovo, andando oltre i canonici schemi del classico GDPR.
Lo stesso GDPR non dovrà essere quindi un punto di arrivo, ma un punto di partenza, altrimenti sarebbe un clamoroso fallimento. 

Contattaci per organizzare totalmente il tuo board aziendale



Pubblicato da Giovanni Aragona in data 05/02/2018