Blog

unione_.jpg

GDPR, L'Unione Europea sollecita l'Italia

 

L'Unione Europea sollecita il nostro paese in tema Gdpr, l’allarme è stato lanciato dalla commissaria Ue alla Giustizia Vera Jourova; la stessa commissaria ha drasticamente posto l'accento su come ogni "amministrazione deve fare il suo dovere" ed a 100 giorni dall’entrata in vigore della General data protection regulation molti paesi non sarebbero ancora pienamente in regola. 

Solo due paesi,al momento, avrebbero già approvato tutte le leggi necessarie per l’allineamento normativo con l’Ue: Austria e Germania. Per far fronte a questi massicci ritardi dei paesi Ue, la Commissione ha appena pubblicato degli orientamenti volti a facilitare l’applicazione diretta delle nuove norme in materia di protezione dei dati a partire dal 25 maggio.

Gli orientamenti ricordano le nuove norme in materia di protezione dei dati: un pacchetto unico di normative che andrà bene per tutto il mondo costruito ed architettato per garantire protezione e sicurezza dei dati. Occorre tenere il "passo" con l'evoluzione è il nostro consiglio, anche perchè, qualora le aziende venissero meno a questi ammodernamenti, il rischio sarebbe dietro l'angolo: multe che potrebbero raggiungere picchi massimi di 20 milioni di euro o, nel caso di un’impresa, fino al 4% del fatturato annuo.

Restano pochi mesi e l'implementare delle normative UE sulla protezione dei dati diventerà concreta: una svolta fondamentale, aggiungiamo.   

 



Pubblicato da Giovanni Aragona in data 25/01/2018